LE 'STORIE' DI VALENTINA VANNICOLA: TRA LETTERATURA E FOTOGRAFIA


 di Anna e Benedetta Cestelli Guidi

pubblicato su Aracne nell'ottobre 2011


All good artists are intellectuals – not because they read a lot of books but because they refuse to accept received wisdom about issues that matter to them. (1)

Tra il 2008 ed il 2009 Valentina Vannicola, nata nel 1982, ha realizzato la trasposizione visiva de Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll, de il Don Chisciotte della mancia di Miguel de Cervantes e de La principessa sul pisello di Hans Christian Andersen; tre cicli narrativi letti e tradotti in immagine in maniera del tutto originale (2). Nel corso del 2011 ha scattato il suo ultimo e lungamente nutrito progetto, L’inferno di Dante, dedicato al poema dantesco e attualmente esposto al MACRO Testaccio di Roma all’interno della selezione sulla giovane fotografia contemporanea italiana di FotoGrafia Festival Internazionale di Roma’, alla sua X edizione e dedicato al tema Motherland (3).

Il suo lavoro va incluso tra quelli dei fotografi che negli ultimi decenni lavorano nella direzione della staged o set photography, e cioèquella corrente della fotografia contemporanea che tende a ricreare situazioni apparentemente naturali benchéconseguite in maniera del tutto artificiale, dove l’artista èregista ancor prima di fotografo. Pensiamo al canadese Jeff Wall le cui fotografie, definite da lui stesso‘cinematografiche’ (4) in virtùdella meticolosa costruzione di ogni dettaglio della scena che si vuole rappresentare, anticipano le “messe in scena” dei lavori fotografici di Valentina. Inoltre, così come all’interno delle staged photographs di Wall èdi estrema importanza il dialogo-confronto con alcuni dei capolavori della pittura occidentale – da Caravaggio a Eugène Delacroix e Gustave Courbet –, e dunque con il linguaggio della pittura, in maniera analoga per Valentina Vannicola, lo e il confronto con alcuni tra i capolavori della letteratura universale, e dunque con il linguaggio della narrativa, che ispirano le sue “messe in scena” in maniera del tutto originale (5).
Originalitàche nasce innanzitutto da una lettura ‘creativa’ del testo, reso attraverso l’immaginifico sguardo dell’artista capace di penetrare tra le righe della narrazione per coglierne spunti e suggestioni che vengono poi rielaborate in immagini sorprendenti.
Così ad esempio, il primo dei sette scatti del lavoro La Principessa sul pisello (2009) èdedicato all’indecisione del principe nello scegliere moglie: questi, un uomo di mezza etàprivo di prestanza fisica o eleganza, èritratto al centro di un circolo costituito da quattro aspiranti principesse-automi, anch’esse di mezza etàe decisamente goffe, sul cui dorso Valentina ha applicato la rotella per la carica dei giochi per bimbi. La creatività dell’artista, la sua visione fantastica e al contempo densa di significato, e proprio in questo scarto, in questo corto circuito dal tono ironico e paradossale che l’artista mette in atto tra il testo e la sua trasposizione in immagine. Similmente, nel lavoro Escape (2009) un’annoiata casalinga èripresa mentre legge il romanzo picaresco di Cervantes immersa in una vasca da bagno mentre sullo sfondo di un paesaggio brullo si materializzano Don Chisciotte con Sancho Panza ed il cavallo Ronzinante: anche in questo caso èuna lettura comico-ironica quella di Valentina Vannicola, al limite del paradosso, coerente con la struttura visionaria del romanzo, centrata, come ènoto, sulla proiezione di un mondo fantastico e bizzarro che il protagonista proietta sulla sua realtàsfuggevole e noiosa. E questa la prima di una serie di cinque fotografie, dove la casalinga rifugiandosi nel romanzo – da cui il titolo Escape- reinventa il suo tedioso quotidiano domestico.

#1 Escape (Don Chisciotte), 2009

#1 Nel Paese delle meraviglie, 2008


Nel Paese delle Meraviglie il surreale tè con il Cappellaio matto e Bianconiglio èdominato dalla fisicitàgrottesca di tutti e tre i personaggi e se questo poteva giàessere insito nel racconto èla figura di Alice a colpire lo sguardo: una donna di mezza etàche nulla mantiene del candore infantile della musa ispiratrice di Lewis Carroll.
Pur dunque partendo dal testo che guida la successione degli scatti – la storia della Principessa sul pisello èriconoscibile a primo colpo d’occhio anche se il finale viene liberamente interpretato – Valentina Vannicola ne estrapola i passaggi salienti che maggiormente sollecitano la sua personale fantasia, alla stregua di quella lunga tradizione di artisti che dalla prima etàmoderna al Novecento hanno illustrato alcuni dei maggiori capolavori della letteratura occidentale: Sandro Botticelli, Gustave Dore, Henry Daumiere William Blake, solo per citare i piu importanti.
Oltre a questa tradizione ‘alta’ peròèbene tenere a mente quella rivolta alla divulgazione per l’infanzia che ha alimentato immagini e fantasie di generazioni di lettori; le incisioni di John Tenniel di Alice nel Paese delle Meraviglie fino alle numerosissime edizioni illustrate de La Principessa sul Pisello. E’ questa tradizione meno illustre, potremmo dire vernacolare, a sembrare piùvicina all’approccio di Valentina Vannicola ai testi letterari che sceglie di tradurre in immagine. Le sue fotografie sovvertono l’ordine della narrazione classica: da un punto di vista compositivo cosa ci fa in primo piano la casalinga in abiti dai colori sgargianti e presa in mille attività mentre le avventure del Chisciotte si svolgono sullo sfondo? Questo elemento dissacrante ed ironico del suo sguardo si fomenta del dispositivo che mette in atto per realizzare i suoi lavori: l’utilizzo di attori non professionisti, la scelta delle locations nel contesto naturale a lei noto senza alterazione luministica, l’utilizzo di materiali poveri, domestici per le installazioni di alcuni scatti - come quando utilizza i coloratissimi materassi del letto su cui la Principessa passeràuna notte da incubo.

# La Principessa sul pisello, 2009

In questa prospettiva la tradizione del cinema neorealista italiano, che proprio ad attori non professionisti delegava le parti importanti – si pensi a Stracci, il ladrone affamato de La Ricotta di Pier Paolo Pasolini – è forse la piùimportante da tenere a mente. E forse saràbene ricordare qui anche L’armata Brancaleone di Mario Monicelli (1966), che rivisitava in chiave popolare e divulgativa il medioevo italiano e che ègirato nella zona della maremma laziale, il set scelto dalla nostra artista per le sue storie.

Se dunque èbene tenere a mente queste tradizioni, per quanto varie e diversificate, di illustrazione testuale nel guardare alle immagini di Valentina Vannicola, la sigla innovativa del suo approccio si trova innanzitutto nell’utilizzo fotografia e inoltre nella procedura che mette inatto per realizzare i suoi lavori; l’artista supera la convenzione dell’ispirazione da testo a immagine centrato sulla relazione uno ad uno – scrittore e artista/lettore – e realizza per ogni scatto un’apposita ed elaborata messa in scena che richiede la partecipazione di molti, proprio come avviene sui set cinematografici. Alla stregua delle fotografie ‘cinematografiche’ di Jeff Wall, il linguaggio filmico èinfatti intrinseco al percorso artistico di Valentina Vannicola, laureatasi in Filmologia a ‘La Sapienza’ ancora prima di intraprendere una formazione nell’ambito della fotografia.
La sua familiaritàcon la struttura cinematografica le consente di creare delle scenografie dentro le quali fa muovere i protagonisti-attori delle sue narrazioni per arrivare a uno scatto fotografico che èsolo l’ultimo e decisivo momento di un lungo e complesso lavoro di regia di cui l’artista segue minuziosamente tutti gli aspetti: dai costumi alle scenografie, dalla scelta delle locations fino alle pose degli attori.
Il processo creativo inizia dalla stesura di un bozzetto – un vero storyboard – attraverso il quale l’artista progetta ciòche poi andràa fotografare: così funziona il piccolo album dal titolo ‘Liberamente tratto da La principessa sul pisello’ dove su ogni pagina si trova il bozzetto per la successiva fotografia accompagnato dal passaggio di riferimento del testo, oppure il grande bozzetto a carboncino, penna e matita del cono rovesciato dell’Inferno nel quale sono appuntate le locations, la composizione della scena e la posizione degli oggetti all’interno di ciascuna scena.

Bozzetto de "L'inferno di Dante", carboncino, penna e matita, cm 180x150, 2011

L’ultimo lavoro, la serie di quindici fotografie da L’Inferno di Dante, èesemplare del suo processo creativo (6). Dopo aver scelto le pene dei dannati che maggiormente stimolano la sua immaginazione, Valentina ha proceduto nella selezione degli attori all’interno della sua comunità, il paese di Tolfa nella Maremma laziale. Lei stessa ha poi per loro realizzato i costumi che le sembravano piùadatti e cioè quella seconda pelle degli uomini di campagna di vecchia generazione – le braghe di lana – che una volta indossata sotto i vestiti non era mai piu tolta e che dunque ben si presta ad accompagnarli nella morte. Giàda questo dettaglio si comprende quanto il suo processo di trasposizione di una narrazione fantastica in immagine assuma un dato di realtà; non èun caso che nel dialogo/intervista del volume che raccoglie il lavoro L’inferno di Dante l’artista citi il saggio di Erich Auerbach in cui Dante èdefinito poeta del mondo terreno (7).
Se Auerbach intendeva con ciòriferirsi alla storicitàdei personaggi che popolavano l’ultraterreno dantesco, Valentina insiste piuttosto sulla realtàdel paesaggio naturale che infatti individua come «uno dei principali punti di rappresentabilita dell’opera.» (8). Per L’Inferno di Dante l’artista, assieme ai suoi volenterosi aiutanti, ha scandagliato il territorio della Maremma laziale partendo dalla costa di Santa Severa passando per la caldara di Manziana e poi su fino alle colline boschive e selvagge dei dintorni del paese di Tolfa: « Questi luoghi sono fissati indelebilmente nella mia memoria, sono la mia memoria, le mie radici ed ogni volta che affronto un progetto mi scorrono avanti come messe in visione da un vecchio proiettore didiapositive: tac, tac, tac...»
Il paesaggio emerge dunque come elemento centrale della messa in immagine dei canti danteschi; un paesaggio variegato sebbene coeso nell’atmosfera nebbiosa, cupa e dai colori tellurici, che l’artista ha ricercato – e sempre scattato con la sola luce naturale - grazie a una quotidiana  consultazione del meteo, in modo da scattare nelle giornate più tempestose cosìda rendere al meglio l’atmosfera di sospensione e di pena delle pene dantesche.

Cosìil paesaggio acquitrinoso della caldara di Manziana èla location scelta per l’ambientazione della fotografia relativa al Limbo, quel luogo iniziale del cammino verso gli inferi popolato dalle anime sospese, quelle anime cioèsenza pena ma anche senza alcuna speranza di redenzione. Èquesta un’immagine di una visionarietà perturbante dove l’artista, per caricare ulteriormente l’atmosfera d’immobilitàperpetua delle terzine dantesche ha collocato sotto una campana di vetro, grazie ad un rendering tridimensionale, la bambina dai capelli rossi: «Cosìsi mise e cosìmi féentrare / nel primo cerchio che l‘abisso cinge. / Quivi, secondo che per ascoltare, / non aveva pianto mai che di sospiri / che l’aura etterna faceva tremare: / ciòavvenia di duol senza martiri.» (Canto III, vv.23-28). Il testo dantesco rimane sempre sotteso all’immagine; sia nel libro che raccoglie il progetto fotografico sia in mostra, ciascuna fotografia èaccompagnata dalla terzina di riferimento.

Assieme al paesaggio, l’altro protagonista dei lavori di Valentina Vannicola èla comunitàlocale che partecipa e collabora ad ogni suo lavoro. In questo senso i suoi progetti possono essere definiti veri e propri lavori di comunitàpartecipata: cosìla vecchia regina malfidata de La principessa sul pisello èla nonna; la Principessa la maestra di scuola elementare; il Chisciotte di Escape un familiare...
In quest’ultimo progetto il protagonismo dell’artista lascia spazio in maniera esemplare agli interventi e suggerimenti della comunitàcon cui lavora, come quando si tratta di scegliere le locations degli scatti oppure decidere le pose stesse degli attori/dannati. L’Inferno di Dante puòdunque definirsi una vera e propria creazione corale, resa possibile proprio grazie a quello ‘scambio affettivo’ dove l’artista, oltre ad essere regista e fotografo, diventa soprattutto un «attivatore di processi di negoziazione e partecipazione collettiva» cui riferisce un’altra artista visiva a lei contemporanea, la filmmaker Marinella Senatore, il cui lavoro esiste unicamente, similmente a quello di Valentina, in una dimensione collettiva (9)
Ed infatti l’artista si èdovuta conquistare la fiducia dei suoi compaesani, dagli stretti familiari – il fratello nei panni di Paolo nello scatto dedicato ai Lussuriosi; il padre in quello degli Ignavi e ancora in quello degli Iracondi e Accidiosi – ai conoscenti della sua comunità, gli abitanti di Tolfa, che hanno accolto con entusiasmo le proposte avventurose della fotografa.

Backstage della fotografia #4 Il Limbo, "L'Inferno di Dante", Canto IV, Primo Cerchio, 2011

Backstage della fotografia # 10 Farinata degli Uberti, "L'Inferno di Dante", Canto X, Sesto Cerchio, Eretici, 2011

Backstage della fotografia #8 Iracondi e accidiosi, "L'Inferno di Dante", Canto VII, 2011

Backstage della fotografia #5 Lussuriosi, "L'Inferno di Dante", Canto V, 2011

La partecipazione della comunità locale ha reso possibile inoltre il reperimento di oggetti di uso quotidiano, che sono serviti per le installazioni dei set di alcune fotografie: cosìi bicchieri del servizio nuziale della nonna nella fotografia di Maestro Adamo, uno dei falsari piùnoti al tempo di Dante oppure ne Gli Ignavi, dove l’idea di costruire un elemento centrale attorno a cui girano senza sosta le anime condannate da Dante a correre eternamente dietro ad un vessillo – il contrappasso per aver vissuto «sanza ‘nfamia esanza lodo» (Canto III, v.36) – èpresente giànel bozzetto preparatorio ed èrisolta a mòdi sgangherata torre fatiscente assemblando una gran quantitàdi sedie appartenenti alla scuola elementare del paese.
L’utilizzo di oggetti di uso comune rafforza l’estetica che sottende l’intero lavoro di Valentina, cioè, quello di«affermare l’incombenza del reale in un contesto di finzione, cercando cosìdi garantire una sensazione di estraneazione.» Estraneazione che esalta ancor di piùla forza poetica e visionaria del suo ironico sguardo, tutta racchiusa in quell’unico scatto finale che da forma alla sua originale e prolifica immaginazione.


Dettaglio della scena de Ignavi, dal bozzetto de "L'Inferno di Dante", carboncino, penna e matita, cm 180x150, 2011

#Ignavi, "L'Inferno di Dante", Canto III, Antinferno, 2011


  • 1 P.Galassi, Unorthodox, in Jeff Wall, catalogo della mostra, MoMA 2007, pag.13
  • 2 La prima mostra di Valentina Vannicola dal titolo Su(l)reale. Valentina Vannicola si ètenuta da s.t. foto libreria galleria a cura di Nathalie Santini (7min photography) nel 2009; in mostra erano presenti i due lavori Escape (Don Chisciotte) e La principessa sul pisello. Alla chiusura della mostra era presente, in video, anche il terzo lavoro Nel paese delle Meraviglie 
  • 3 FotoGrafia Festival Internazionale di Roma, X edizione, 22 settembre –23 ottobre 2011, MACRO Testaccio, www.fotografiafestival.it
  • 4 Cinematography referred simply to the techniques normally involved inthe making of motion pictures; the collaborations with performers (notnecessarily ‘actors’, as Neorealism showed)...’ in Frames of reference 2003, in Jeff Wall. Catalogue Raisonné 1978-2004, catalogo mostra di Basele Londra, 2005, pp. 446 
  • 5 Jeff Wall, a cura di P.Galassi, MoMA 2007
  • 6 Valentina Vannicola. L’inferno di Dante, a cura di Benedetta Cestelli Guidi e con uno scritto di Niccolò Ammaniti, Postcart Roma 2011. 
  • 7 E.Auerbach, Dante alsDichterderirdischenWelt (1929) in Studi su Dante,Milano 1963; vedi anche dello stesso autore Mimesis.. Il realismo nella letteratura occidentale, Torino 1956, pp.189-221
  • 8 L’Inferno nella maremma laziale, dialogo tra Valentina Vannicola e Benedetta Cestelli Guidi, in Valentina Vannicola. L’Inferno di Dante...; tutte le citazioni che seguono sono tratte da questo dialogo.
  • 9 Intervista di G.del Vecchio a Marinella Senatore, Flash Art online.it n.283, maggio 2010

Dove non diversamente indicato le immagini sono © Valentina Vannicola
Il testo © Anna Cestelli Guidi e Benedetta Cestelli Guidi
Il dialogo © Valentina Vannicola e Benedetta Cestelli Guidi in ‘L’inferno diDante’ a cura di Benedetta Cestelli Guidi e con uno scritto di NiccolòAmmaniti, Postcart Roma 2011

Valentina Vannicola. L’inferno di Dante, a cura di Benedetta Cestelli Guidi,X edizione FotoGrafia Festival Internazionale di Roma, www.fotografiafestival.it www.macro.roma.museum
La Principessa sul pisello èesposto nella mostra Characters. Valentina Vannicola e Angelo Bellobono, a cura di Wunderkammern, Roma. www.wunderkammern.net/
Valentina Vannicola ‘L’inferno di Dante’, a cura di Benedetta Cestelli Guidie con uno scritto di NiccolòAmmaniti, èedito da Postcart 2011 www.postcart.com

Le fotografie de L’inferno di Dante sono stampate in dimensione 90x60 etirate a 7 esemplari (+ 1 ap)
Info: [email protected]

Anna e Benedetta Cestelli Guidi sono sorelle, sono nate e vivono a Roma. Storiche dell’arte e curatrici sono qui ritratte in una fotografia del padre Andrea scattata in Grecia nel 1973. (copyright Andrea Cestelli Guidi)

Using Format